La bagarre sulla decisione, voluta dal Pd, d’invertire il calendario dei lavori, per dare la precedenza allo ‘ius soli’ che ha mandato su tutte le furie i senatori della Lega Nord ha una coda polemica nello scontro tra il Presidente di Palazzo Madama, Piero Grasso e il Senatore Roberto Calderoli.

L’esperto senatore del ‘Carroccio’ contesta la conduzione dei lavori: “Lei doveva interrompere i lavori, perché il senatore da lei espulso (il leghista Volpi, ndr) è ancora qui in Aula e perché alcuni senatori – proprio i colleghi di Calderoli – hanno occupato i banche del governo“. Allora il Presidente Grasso sorprende tutti e revoca l’espulsione del Senatore Volpi, reo di svariati gaffa e di aver grugato venduto alla secondo carica dello Stato. Decisione che suscita l’ilarità e lo stupore dell’Aula di Palazzo Madama.

“Un precedente così solo l’arbitro Moreno mi fa venire in mente. Mai vista una cosa del genere”.

“Quando ci sono i giocatori che fanno i falli e si nascondono e chiaro che l’arbitro poi può reagire in questo modo” interviene Grasso, tra gli applausi dei senatori del partito Democratico, ma Calderoli controbatte: “Se questo fosse capitato al Presidente dei Deputati di Forza Italia Brunetta può capitare, ma che capiti con Volpi…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Contro lo ius soli e la distruzione della cittadinanza

prev
Articolo Successivo

Ius soli, legge al Senato e Lega all’arrembaggio. La ministra Fedeli in infermeria, Volpi espulso dopo i “vaffa” a Grasso

next