Il fondatore e leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo ha votato in mattinata a Sant’Ilario, a Genova Nervi. Ai giornalisti riserva il solito trattamento: “Dovete sbloccare la democrazia andando in un altro Paese”. Poi, dopo aver fatto il suo dovere di cittadino, incontra un sondaggista dell’Istituto Piepoli che raccoglie indicazioni di voto per gli exit poll che usciranno appena terminate le votazioni ai seggi. Grillo, ancora circondato dai giornalisti, si rifiuta di compilare il modulo: “Poi magari ci mettiamo in un posto…”. E il sondaggista: “Come ci mettiamo in un posto? Lei che è sempre per la trasparenza mi propone di spostarci in un posto?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Padova: si ricandida Bitonci, il sindaco allergico alla stampa

next
Articolo Successivo

Amministrative 2017, ad Avola il figlio del boss fa propaganda per il candidato: “Chi è nostro amico non ci volti le spalle”

next