Renzi? Penso che lui si offenderebbe a essere ritenuto di sinistra. Siamo noi che, parlando ogni giorno di lui, gli conferiamo una importanza che oggi non ha più. Perché invece non parliamo dell’attuale presidente del Consiglio?”. Sono le parole del senatore Mario Monti, ospite di Otto e Mezzo (La7). L’ex presidente del Consiglio si esprime su diversi temi, come le elezioni anticipate: “Non vedo una sola ragione valida e pubblicamente dichiarabile per andare prima alle urne. Il mancato accordo sulla legge elettorale? Credo che ognuno sia bravo a presentarsi come parte lesa, ma abbia l’intima soddisfazione di aver fregato gli altri. Personalmente ho sempre ritenuto Beppe Grillo poco affidabile. Ma voi credete che a uno solo di questi partiti (Pd, M5s, Lega, Forza Italia, ndr) interessi davvero la governabilità del Paese?”. “A loro non interessa nulla” – risponde la conduttrice Lilli Gruber – “e io trovo questa cosa gravissima”. Lode e apprezzamento, invece, per Gentiloni: “La sua compostezza, che non è solo di forma ma anche di chiarezza di idee, credo sia abbastanza apprezzata in Europa. Lui più stimato di Renzi nella Ue? Non faccio la spia su quello che sento dire su questo o su quell’altro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Di Maio: “Legislatura finita, ora voto. Emendamento? Scusa del Pd per non finire sotto sulle preferenze”

prev
Articolo Successivo

Elezioni comunali 2017, exit poll per La7: fuori M5S dai ballottaggi a Genova e a Palermo

next