Tra i tanti ospiti del Wired Next Fest, che si è svolta ai giardini di Porta Venezia a Milano, ci sono anche Maccio Capatonda ed Herbert Ballerina. Al termine del loro incontro che ha preceduto quello di Luigi Di Maio hanno detto la loro sul futuro della politica. “I politici dovrebbero essere stranieri, solo così ci possiamo salvare. Solo grazia al disinteresse del Paese riuscirebbero ad amministrare un Paese”. Poi hanno anche analizzato lo stato attuale dei talenti sul web. “Con il tempo si è creato un filone e ultimamente c’è qualità. È nata una scuola e ci sono talenti che usano benissimo il mezzo, molto meglio di noi. Alcuni seguono però erroneamente la moda del momento. Adesso va molto l’ignoranza o la differenza tra Nord e Sud e sembrano tutti molto uguali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kevin Spacey incontra Gordon Ramsay, il video promo è un profluvio di parolacce

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, lo spot della compagnia telefonica Zain per il Ramadan: “Combattiamo l’odio con canzoni d’amore”

next