Tra i tanti ospiti del Wired Next Fest, che si è svolta ai giardini di Porta Venezia a Milano, ci sono anche Maccio Capatonda ed Herbert Ballerina. Al termine del loro incontro che ha preceduto quello di Luigi Di Maio hanno detto la loro sul futuro della politica. “I politici dovrebbero essere stranieri, solo così ci possiamo salvare. Solo grazia al disinteresse del Paese riuscirebbero ad amministrare un Paese”. Poi hanno anche analizzato lo stato attuale dei talenti sul web. “Con il tempo si è creato un filone e ultimamente c’è qualità. È nata una scuola e ci sono talenti che usano benissimo il mezzo, molto meglio di noi. Alcuni seguono però erroneamente la moda del momento. Adesso va molto l’ignoranza o la differenza tra Nord e Sud e sembrano tutti molto uguali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kevin Spacey incontra Gordon Ramsay, il video promo è un profluvio di parolacce

next
Articolo Successivo

Terrorismo, lo spot della compagnia telefonica Zain per il Ramadan: “Combattiamo l’odio con canzoni d’amore”

next