La marcia dei migranti di sabato si farà. Il sindaco di Milano Beppe Sala non si muove di un millimetro e cancella in poche ore l’invito avanzato dal presidente della Regione Roberto Maroni che aveva chiesto di annullare la manifestazione dopo l’aggressione alla stazione di Milano da parte di uno straniero nei confronti di un poliziotto e di un militare. La marcia non si dovrebbe fare, secondo il governatore, “per rispetto al militare e al poliziotto ferito mentre stavano compiendo il loro dovere”. Ma “Milano senza muri” si farà, conferma Sala uscendo dall’ospedale Fatebenefratelli, dopo la visita all’agente della Polfer ferito. “Resto convinto – ha spiegato il sindaco su facebook – che l’accoglienza sia un dovere della nostra città e di chiunque possa alleviare le sofferenze di chi è in difficoltà serie e chiede aiuto”. La marcia prevede la partecipazione del Comune di Milano, associazioni del volontariato e numerose altre realtà a favore dell’integrazione dei migranti. Tra i promotori anche l’ex ministro degli Esteri Emma Bonino.

“Invito tutti a una presenza pacifica che aiuti la riflessione su una tematica così rilevante” aggiunge Sala nel suo post su facebook. “Vedo alcuni che chiedono l’annullamento della marcia e ripenso a quanti erano in coda per rubare un selfie con il Papa nel corso della sua visita a Milano, salvo dimenticarsi all’istante l’insegnamento del Santo Padre. Forse un po’ di coerenza non guasterebbe”. Il “criminale che ha accoltellato gli uomini delle forze dell’ordine – prosegue – è figlio di madre italiana e di padre nordafricano ed è italiano a tutti gli effetti. Ciononostante a qualcuno fa comodo buttare questo atto criminoso sul conto dei migranti”.

Maroni, però, insiste: “Ho espresso, e la rinnovo, la mia solidarietà e vicinanza agli agenti che sono stati feriti – scrive in una nota – e che sia opportuno, lo ripeto, annullare la marcia pro-immigrazione prevista per domani a Milano, in segno di rispetto per le forze dell’ordine e per chi garantisce la nostra sicurezza ed esposto, purtroppo, come si vede, a rischi per la propria vita e per la propria incolumità”.

Ma conferma la linea anche l’assessore al Sociale del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino: “La destra più estrema dice che, domani, saremo complici dei delinquenti – scrive – Lo fa strumentalizzando in modo atroce non solo, ancora una volta e vigliaccamente a sproposito, l’immigrazione, ma pure il lavoro e la pelle di agenti a cui va tutta la nostra vicinanza”.

A Maroni risponde anche il sottosegretario agli Esteri e senatore Benedetto Della Vedova: “Maroni eviti, se può, di speculare”. Chiedere di annullare tutto, aggiunge Della Vedova, è “solo prova di inutile cinismo, ma questa non è una novità”. Sull’aggressione della Stazione Centrale di Milano è intervenuto naturalmente anche il segretario della Lega Nord Matteo Salvini: “Quei fenomeni del Pd cosa fanno? Organizzano per sabato la “Marcia per i migranti”. Ignoranti e complici, razzisti con gli italiani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vitalizi, gli ex consiglieri regionali scrivono alla Camera: “Non toccate il privilegio. È un diritto legittimo”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, testa a testa fra Pd e 5Stelle. Parma, Pizzarotti in fuga: M5s azzerato. Consip, per il 60% c’è rischio familismo

next