Il corteo contro i muri e le discriminazioni, previsto per domani a Milano, sulla scia della grande mobilitazione svoltasi lo scorso 18 febbraio a Barcellona, divide gli animi. E l’episodio di violenza di ieri alla stazione Centrale ha riacceso la polemica politica. Alla vigilia della manifestazione abbiamo ascoltato le diverse opinioni in campo tra i cittadini per le strade di Milano. “Manifestare in favore dei migranti? Non ci penso proprio! Prima occupiamoci degli italiani in difficoltà“, dichiarano in molti. “E’ un’iniziativa necessaria per riaffermare la cultura dell’accoglienza e dell’integrazione”, rispondono i favorevoli. “Aiutare chi fugge da situazioni disperate, va bene, ma l’Europa che fa?”, obietta più di una voce. Man mano che ci si sposta in periferia le critiche all’appello dei promotori si fanno sempre più decise. “I nostri giovani costretti a espatriare in cerca di lavoro, mentre l’Italia è occupata dai migranti, assurdo!”. “Ormai è chiaro: dietro l’immigrazione di massa ci sono grandi interessi economici”. “Accoglierli tutti per tenerli in uno stato di abbandono, che senso ha?”. E voi che ne dite?   di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marcia migranti, il Pd milanese (con Sala) si schiera per l’accoglienza. Renzi tace e manda Martina

prev
Articolo Successivo

Marcia migranti Milano, perché è obbligatorio esserci

next