La casa automobilistica Ford potrebbe tagliare il 10% della sua forza lavoro globale con l’obiettivo di aumentare i profitti e il valore del titolo in Borsa. L’ha riportato martedì il Wall Street Journal citando alcune fonti. La decisione è legata alle pressioni sull’amministratore delegato, Mark Fields, per migliorare i risultati per gli azionisti.

Il gruppo ha 200mila dipendenti nel mondo e un taglio del 10% si tradurrebbe in 20mila posti di lavoro in meno. “Restiamo concentrati sulle tre priorità strategiche che creeranno valore e spingeranno la crescita, che includono il rafforzamento delle nostre attività core anche con investimenti nelle opportunità emergenti”, afferma Ford in una nota.

Il taglio, che potrebbe essere annunciato nei prossimi giorni, arriva mentre Ford punta a centrare una riduzione dei costi per 3 miliardi di dollari nel 2017, con l’obiettivo di migliorare la redditività nel 2018. Con Fields alla guida, i titoli di Ford sono finiti sotto pressione e la sua capitalizzazione di mercato è scesa anche sotto quella di Tesla.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, il lavoro poteva stancare chi ce lo aveva

next
Articolo Successivo

Sky Italia, spedite 124 lettere di licenziamento: sono i lavoratori che hanno rifiutato il percorso innovativo

next