Lutto nel mondo del giornalismo televisivo: è morto a Roma, a 83 anni, Alberto La Volpe, giornalista Rai ed ex-direttore del Tg2. E’ stato proprio il telegiornale del secondo canale a darne l’annuncio, testata che diresse dal 1987 al 1993. Nel 1992 creò il programma Lezioni di mafia insieme a Giovanni Falcone, una delle ultime iniziative del magistrato palermitano, stroncata dall’attentato di Capaci. Lo scopo del programma era ricostruire la storia di Cosa Nostra e il rapporto con la politica, ma si aprì con una poltrona vuota accanto a La Volpe.

Alberto La Volpe, nato a Napoli nel 1933, era entrato in Rai nel 1966. Nel 1979 è stato vicedirettore del Tg3, che aveva contribuito a fondare insieme a Biagio Agnes e Sandro Curzi. È stato uno degli storici conduttori di Speciale TG1 fino al 1987, quando il Consiglio di Amministrazione della Rai lo ha nominato direttore del Tg2. Nel 1993 passa il testimone a Paolo Garimberti ed entra in politica: prima come sindaco di Bastia Umbra (Perugia) dal 1970 al 1980; poi nel 1994 è stato eletto alla Camera nel 1994 con i Progressisti. Nel 1996 è stato nominato sottosegretario ai Beni Culturali nel primo governo Prodi e poi al Ministero degli Interni, durante il primo governo D’Alema. La Volpe, vicino alla causa palestinese, è stato anche presidente dell’associazione Italia Palestina.

Per Mondadori ha scritto nel 1988 L’inchiesta insieme a Marco Leto; nel 2002 Editori Riuniti pubblica Diario segreto di Nemer Hammad, ambasciatore di Arafat in Italia. Il suo ultimo lavoro, scritto insieme all’ex magistrato Pietro Grasso, è il libro Per non morire di mafia. Grasso nel 2012 ha anche condotto una nuova serie di Lezioni di Mafia, ispirata all’originale del 1992.

L’ex parlamentare Pd Vincenzo Vita lo ricorda come un “giornalista, personalità politica e culturale. Attento alla causa palestinese. Un compagno gentiluomo, come pochi”. I funerali si terranno giovedì 18 maggio alle 15,30 a Roma nella chiesa di Santa Chiara in piazza dei Giochi Delfici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emergenza rifiuti, l’Ue denuncia l’Italia per le discariche non ancora in regola

next
Articolo Successivo

Cagliari, arrestati i vertici della Fluorsid per disastro ambientale. Il gip: “Grave contaminazione dell’aria, del suolo e degli allevamenti”

next