Ricordate l’Hummer H1, il possente mezzo derivato dal veicolo militare dell’esercito americano, nato nel 1981? La sua versione civile era uscita di produzione nel 2006, mentre il marchio Hummer fu “congelato” quattro anni dopo, vittima della riorganizzazione dei brand del portafoglio General Motors.

Ebbene, seppur con il nome di Humvee C-Series, l’H1 tornerà in commercio. La denominazione è diversa perché General Motors ha ancora la proprietà del nome storico. Questa rinascita si deve all’85enne Bob Lutz, il grande “vecchio” dell’automotive a stelle e strisce, che ha deciso insieme ad altri imprenditori di Detroit (tra cui il designer Henrik Fisker l’ex dirigente della Boeing Gilbert Villarreal), di creare una  società che desse nuova vita a questo pezzo di storia del motorismo americano.

La società si chiama, per l’appunto, Humvee Export, e realizza il “nuovo” H1 sulla base di un kit fornito dalla ditta AM General all’esercito americano e ad altre forze armate a partire dal 2013. Il kit costa 60 mila dollari, che tuttavia non comprendono il motore.

Le due unità propulsive tra cui scegliere vengono fornite a parte: si tratta di un V8 6.5 a gasolio nelle due varianti di potenza da 190 e 205 cavalli, più un benzina V8 6.2 da 430 cavalli. L’assemblaggio delle vetture (in piccola serie) avverrà nello stabilimento di Auburn Hills di proprietà della VLF Automotive dello stesso Lutz.

L’Humvee C-Series avrà tre livelli di allestimento, e il listino partirà probabilmente da 150.000 dollari. Il modello verrà commercializzato in Africa, Europe, Medio Oriente e successivamente Cina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dubai, due modellini di supercar in oro come premio ai guidatori più prudenti

next
Articolo Successivo

Cyberattacco, colpita anche Renault-Nissan. Fermati alcuni siti produttivi

next