“Carissime amiche, mi sento in colpa pure io“. È uno dei tanti messaggi lasciati nel parcheggio del centro commerciale di Centocelle, periferia di Roma, dove un incendio ha distrutto un camper uccidendo tre sorelle di 20, 8 e 4 anni. Sono tanti i mazzi di fiori e i biglietti, lasciati da abitanti del quartiere e non. “Sono morti del quartiere, siamo tutti coinvolti” si legge su un grosso striscione bianco. “100celle antirazzista” si legge su un altro. E sono decine i cittadini del quartiere Villa De Sanctis che hanno deciso di ritrovarsi in strada, per un presidio di solidarietà alle vittime.  Tutti i presenti, circa un centinaio, hanno osservato un minuto di silenzio prima di fare un lungo applauso.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Io, accusato di pedofilia sui social perché vittima di una bufala virale. Con un click si distrugge una vita”

next
Articolo Successivo

Teramo, inchiesta dopo l’allarme acqua potabile. ‘Odore e sapore non accettabile’

next