Barbaresco Rabaja 2014 – Giuseppe Cortese

Dopo la strepitosa 2013, Cortese si dimostra ancora uno dei migliori (il migliore?) produttori di Barbaresco. Il profilo è come sempre verticale, gustoso e sapido, senza la minima piacioneria. Lo spettro è vario e complesso: il frutto è vivo e intenso, ma emergono nitidamente le note di sottobosco, liquirizia e spezie. Le potenzialità per un grande invecchiamento ci sono tutte. È l’unico produttore che ho riconosciuto alla cieca.

Barbaresco Canova 2014 – Ressia di Ressia

La sorpresa della giornata, almeno per me che – confesso la mia ignoranza – non conoscevo, o non ricordavo questo produttore secolare. Una leggera nota lattica, in apertura, svanisce immediatamente e lascia al passo a un naso floreale e mentolato di grande bellezza. In bocca è un bel cavallo di razza: integro, succoso, molto gastronomico.

Barbaresco Pajore 2014 – Rizzi

Amo moltissimo i vini di Rizzi. Non ho riconosciuto il suo Barbaresco, ma trovarlo in cima alle mie valutazioni mi ha rincuorato. Il profilo è iodato, serio, ma non serioso, il sorso intenso, molto dritto. Altra bottiglia da dimenticare in cantina.

INDIETRO

Vini, i migliori Barbaresco del 2014

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massimo Bottura, la Francescana “declassata” al secondo posto nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo

next
Articolo Successivo

BrewDog, la rivoluzione tradita dei luppoli? In fondo è solo birra…

next