L’avevano preso per questo: 90 milioni di euro, non per le 20 e passa reti in campionato o i golletti nel girone di Champions, ordinaria amministrazione. Ma per vincere tutto, anche in Europa. E Gonzalo Higuain a Montecarlo ha ripagato fiducia e soldi spesi. È sua la doppietta con cui la Juventus sbanca il Monaco per 2-0, mantenendo ancora una volta la sua porta inviolata, pure in una delle serate meno brillanti degli ultimi mesi. Un risultato netto, molto più di quanto abbia detto la partita, e che in trasferta vale doppio, vale gran parte del biglietto per Cardiff e della grande sfida contro il Real Madrid (pure lui già virtualmente qualificato dopo il 3-0 nel derby con l’Atletico). La finale di Champions League, la seconda nei tre anni targati Massimiliano Allegri, è quasi ipotecata. E non per caso.

Nelle azioni dei gol c’è tutto il mercato e la programmazione bianconera delle ultime stagioni: la classe di Dybala che fa ripartire l’azione, la qualità e l’esperienza internazionale di Dani Alves che serve due assist (uno addirittura di tacco). E poi il Pipita, appunto. Ma c’è anche la mano del tecnico toscano, sempre più artefice di questa squadra e del suo destino vincente. A inizio 2017 aveva stravolto la squadra inventandosi il 4-2-3-1, segreto del trionfo contro il Barcellona. Stasera ha avuto il coraggio di toccare una macchina apparentemente perfetta, per lasciare fuori Cuadrado, inserire Barzagli in difesa e alzare Dani Alves. Inutile dire che è stata la mossa vincente. Lo schieramento bianconero è tornato ad assomigliare molto alla vecchia difesa a tre, anche se con movimenti fluidi e difficili da cristallizzare in un modulo solo. Soprattutto la Juve ha sfondato proprio sulle corsie, con i due esterni larghissimi mentre il Monaco provava a fare densità in mezzo per soffocare la fantasia di Dybala e Pjanic, e il terzino brasiliano è stato decisivo su entrambe le reti. Il resto l’ha fatto la solita difesa: un ostacolo insormontabile per il Barcellona di Neymar, Messi e Suarez, figuriamoci per il piccolo Monaco che pure aveva segnato dodici reti a Manchester City e Borussia Dortmund.

La partita non era iniziata neanche bene. Dopo un avvio molto timido, i padroni di casa avevano provato a prendere in mano il gioco. Un taglio di Mbappé che brucia Chiellini ma trova pronto Buffon, un colpo di testa pericoloso di Falcao, un paio di palle perse a centrocampo: il match si era complicato all’improvviso. Ma i campioni a certi livelli fanno davvero la differenza: due magie in serie di Dybala e Dani Alves portano al gol di Higuain, spartiacque dell’incontro e in fondo di tutta la doppia sfida. Un contropiede fulminante, proprio quello che il tecnico Jardim voleva evitare. Ma è più facile a dirsi che a farsi contro questa Juve.

Di lì l’inerzia è passata tutta dalla parte dei bianconeri, che ha potuto aspettare per colpire al momento giusto.  Il Monaco ci ha messo anche intensità e applicazione, partendo forte nella ripresa, ma per altri 45 minuti ha continuato a sbattere ancora su Buffon e in generale sulla retroguardia italiana, più in affanno del solito contro i guizzi di Mbappé e i ricami di Bernardo Silva, ma come sempre impenetrabile. Al quarto d’ora del secondo tempo è arrivato anche il raddoppio, quasi in fotocopia del primo: Dybala per Dani Alves per Higuain, puntuale e freddo in spaccata davanti al portiere. È la spallata decisiva: i monegaschi hanno onorato la sfida fino in fondo, fino al 90’ e all’ultima parata (la più difficile) di Buffon su un colpo di testa di Germain. Nulla da fare: troppo superiori gli ospiti, troppo inferiori i padroni di casa. La Juventus non ha neanche giocato la sua miglior partita: ha sofferto il pressing e la velocità degli attaccanti avversari, non è ripartita in maniera sempre efficace, ha sbagliato qualche appoggio di troppo in uscita. Ma ha vinto 2-0, fuori casa. Manca solo il ritorno di Torino, che in una semifinale non si può mai sottovalutare. Una formalità, e quel poco che resta del Monaco, per un’altra finale di Champions.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Real Madrid-Atletico 3-0, Ronaldo segna una tripletta. “E’ unico, quando è in forma siamo imbattibili” – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Juventus-Monaco 2-1: Mandzukic e Dani Alves, poi accorcia Mbappe’. Bianconeri da record volano in finale di Champions

next