Si stavano scattando un selfie quando sono caduti nel fiume, morendo affogati. È successo lunedì pomeriggio a Caramanico Terme, in provincia di Pescara. Silvia d’Ercole, 32 anni, e il marito 34enne Giuseppe Pirocchi, residenti in provincia di Chieti, erano in gita sul fiume Orta con alcuni amici e i due figli, di cinque e otto anni. Si sono allontanati dal gruppo per ammirare le rapide di Santa Lucia, ma il tentativo di immortalare il momento con un autoscatto è finito in tragedia: Silvia ha perso l’equilibrio, scivolando in acqua. Giuseppe ha cercato di afferrarla, m caduto a sua volta nel fiume. La corrente troppo forte li ha trascinati via e gli uomini del soccorso alpino li hanno trovati a circa mezzo chilometro dal luogo dell’incidente.

“Un lutto gravissimo che colpisce tutta la comunità”, ha commentato il sindaco di Scerni, il paese in provincia di Chieti dove abitavano i due coniugi. I carabinieri della compagnia di Popoli (Pescara) e i forestali stanno ricostruendo l’esatta dinamica dell’incidente, avvenuto in una zona caratterizzata da canyon e rapide, dove le pietre in alcuni tratti possono essere molto scivolose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Salvini al Cara di Mineo: “Qui buttiamo 100 mila euro al giorno. E ci sono solo 14 siriani”

next
Articolo Successivo

Ong e migranti, Cei: “Attacchi sono atto ipocrita”. Di Battista: “Immigrazione è nuova forma di finanziamento politica”

next