Ci saranno anche gli artisti già protagonisti a Pondita di ‘Terroni Uniti‘ al concerto che il Comune di Napoli organizzerà per il prossimo 1 maggio a piazza Dante. L’iniziativa, sostiene il sindaco Luigi de Magistris, “non sarà per proporre una contrapposizione con il Nord” semmai “un progetto culturale duraturo” come il Concertone che da anni Cgil, Csl e Uil organizzano a Roma, in piazza San Giovanni. E tale ne è la valenza politico-culturale che il live musicale del 1 maggio a Napoli è stato inserito nel documento di programmazione economica dell’Amministrazione.
Quello che avrà come location della prima edizione piazza Dante sarà un evento “molto caratterizzato dal protagonismo dei popoli del Sud, non solo Sud Italia o Sud Europa, ma Sud del mondo. Il nostro progetto – chiarisce de Magistris a margine di un incontro a Palazzo San Giacomo – è costruire nuovi processi di condivisione, di fratellanza e di solidarietà, sottolineando le differenze ed anche come il Sud è una risorsa umana per il pianeta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Francia, Giannuli: “M5S fascista? Non diciamo fesserie. Con la pistola alla tempia voterei Macron”

next
Articolo Successivo

Voto in Francia, cosa può insegnare al Pd in vista delle primarie

next