Quattro giorni di sciopero per protestare contro i tagli decisi dall’editore, dopo che anche il direttore si è dimesso. È bufera al settimanale Left, dove l’assemblea di redazione ha proclamato a ampia maggioranza lo stato di agitazione. “Da Matteo Fago, editore del giornale tramite Editoriale novanta, non sono giunte finora, infatti, sufficienti rassicurazioni rispetto all’intenzione, dichiarata già da settimane e anche durante un incontro col sindacato, di procedere con alcuni, non meglio specificati, licenziamenti”, si legge nel comunicato dell’assemblea dei giornalisti.

“La redazione – prosegue la nota –  è ben consapevole che per raggiungere gli obiettivi di vendita che garantiscono una sostenibilità economica – finora sempre garantita dall’editore rispetto a bilanci che hanno comunque progressivamente visto diminuire le perdite – servono tempo e l’impegno di tutti. L’opzione della solidarietà, però, che potrebbe tutelare il livello occupazionale, non sembra interessare all’editore. La situazione richiede dunque un segnale dalla redazione: non ci sono le condizioni per lavorare oltre con una minaccia di licenziamenti sulla testa, soprattutto nel momento in cui quei licenziamenti vengono confermati dal direttore”.

Proprio oggi , infatti, Ilaria Bonaccorsi si è dimessa da direttore responsabile del settimanale per non applicare il piano tagli varato dall’editore. “Appreso della necessità di tagli su Left che si concretizzeranno in dei licenziamenti non potendo condividere, posso solo ritenermi la causa di ciò, scusarmi e licenziarmi io stessa dalla carica e da dipendente di Editoriale novanta“, ha scritto Bonaccorsi nella sua lettera di commiato.

“La redazione – prosegue il comunicato sindacale – in attesa di sapere chi assumerà la direzione del giornale e quale sarà la linea, e di avere chiarimenti sulla vicenda occupazionale – che segue un dimezzamento già effettuato della tiratura e l’azzeramento delle collaborazioni – non può dunque che dirsi molto preoccupata. Pertanto l’assemblea di redazione ha proclamato a ampia maggioranza lo stato di agitazione e consegna al fiduciario di redazione un pacchetto di quattro giorni di sciopero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fake news, scuola, giornalisti, imprese e digitale: 4 confronti alla Camera per parlare di misure contro disinformazione

next
Articolo Successivo

Rai, governo concede la deroga: “Via libera a stipendi superiori a 240mila euro per gli artisti”. Resta il nodo giornalisti

next