Quasi ogni giorno accade che un cittadino italiano vada in Svizzera per ottenere l’assistenza medica alla morte volontaria. Da anni è così. Le autorità italiane lo sanno, lo sa la politica, lo sanno i media. Lo hanno sempre saputo.

Finché tutto ciò accadeva di nascosto, nessuno ne era troppo disturbato. Neanche i paladini della vita (obbligatoria) si erano mai azzardati a provare interrompere questo flusso clandestino di “esilio della morte”, come giustamente lo definisce Emilio Coveri, di Exit.

Poi sono arrivati Dominique Velati, Fabo e Davide Trentini che, con il nostro aiuto, hanno rotto l’omertà, esigendo pubblicamente ciò che avrebbero potuto più comodamente ottenere in segreto. Invece di sollevare un’ondata di ripulsa, paura e scandalo – come tanti si sarebbero aspettati – hanno incontrato un’opinione pubblica consapevole e pronta a riconoscere la libertà di scegliere come morire.

Il Parlamento, colto di sorpresa, ha finalmente messo all’ordine del giorno almeno il testamento biologico, mentre ancora nessun segnale sulla eutanasia. È bene non farsi illusioni, perché le trappole parlamentari sono sempre tese. E, soprattutto, è bene non perdere di vista il punto centrale: la libertà e responsabilità individuale, al di là della giungla di definizioni collegate al fine-vita.

Su questo, con Mina Welby abbiamo deciso di andare avanti e, dopo Fabo, di autodenunciarci anche per l’aiuto economico e logistico fornito a Davide Trentini. Anche se il Parlamento non dovesse assumersi le proprie responsabilità, le istituzioni saranno comunque tenute a dare una risposta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Minniti, la legge sui migranti o dell’apartheid

next
Articolo Successivo

Gay torturati in Cecenia, Novaya Gazeta: “Una fatwa contro di noi”. “Castigo di Allah sui giornalisti”

next