“Il M5S al governo? Sono d’accordo che crescono per demeriti altrui e che non si è capito bene cosa sia nel momento in cui va al governo”. Così il giornalista del Fatto Quotidiano Andrea Scanzi Commenta a Otto e mezzo (La7) l’ipotesi di un governo con il movimento di Grillo. “Se è il movimento di Torino ci può stare, se è quello di Roma, parliamone ma qualche paura è lecito averla”. La firma del Fatto cita il passaggio del parlamentare PD Emanuele Fiano sui 3,4 miliardi che chiede l’UE: “Questo per colpa delle facili mancette e dei bonus elargiti dal governo Renzi. In questa situazione si rischia che l’elettore possa buttarsi sul M5S, perché i nuovi del Pd non hanno fatto quello che hanno promesso. Con queste premesse il M5S ha delle chances, ma tra i due duellanti potrebbe spuntare Berlusconi, perché il centrodestra ha più capacità di unirsi”. Battuta finale sulla foto del leader di Forza Italia con gli agnellini: “Essendo vegetariano è l’unica volta che mi sono sentito vicino a Berlusconi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, Velardi vs Sansa: “Combutta magistratura-media scardina basi democrazia” e scoppia la bagarre

next
Articolo Successivo

L’Unità, Scanzi: “Renzi attacca Report come faceva Berlusconi. Atteggiamento grave, solidarietà ai colleghi”

next