A Tempo di Libri, la fiera dell’editoria italiana che si terrà a Milano dal 19 al 23 aprile, ci sarà uno spazio dedicato al mondo digitale. Denominato @cittadinanza digitale si propone di analizzare le trasformazioni culturali indotte dalle nuove tecnologie. A tal proposito, sarà presentata un’indagine inedita sui cambiamenti delle modalità di lettura in Italia, realizzata dal gruppo innovazione dell’Associazione italiana editori (Aie) con la collaborazione di Pepe Research.

Questo è il primo atto di Osservatorio sui Confini del Digitale (Ocd) che si colloca all’interno dell’Innovation network, promosso dalla Federation of european publishers (Fep) ed è sicuramente frutto della collaborazione di Nina Klein con la manifestazione milanese. Si tratta indubbiamente di un passo avanti però, a mio avviso, in questo scenario manca uno dei principali protagonisti: Amazon. Non vi nascondo che mi avrebbe fatto molto piacere assistere a un confronto tra i responsabili di Kindle direct publishing (Kdp)e i direttori commerciali ed editoriali dei principali gruppi italiani.

Non si parlerà di digitale, o almeno gli organizzatori non lo hanno evidenziato, invece, al Salone del libro, in programma a Torino dal 18 al 22 maggio.

A Milano l’editoria digitale piace, infatti, se avete uno smartphone e utilizzate la metropolitana, fino al 31 maggio, potrete leggere gratis scegliendo tra una selezione di dieci ebook di narrativa gialla e noir. Scerbanenco, Olivieri, Biondillo, Tuzzi, Carcano, Colaprico, Luzzi, De Angelis, Crapanzano, Gurrado sono gli autori presenti nella collezione, il cui filo conduttore è l’ambientazione rigorosamente milanese delle trame. L’iniziativa, che è alla seconda edizione, si chiama Milano da Leggere ed è stata messa a punto dal Sistema bibliotecario di Milano in collaborazione con l’Azienda trasporti milanesi (Atm), e sembra che il comune di Milano stia pensando di estenderla a tutto l’anno.

Per quanto riguarda le tecnologie del reading, la nuova norma che vieta di portare nel bagaglio a mano tablet, pc e lettori di ebook penalizza sicuramente i lettori che viaggiano in aereo (anche se al momento questa normativa riguarda solo i passeggeri provenienti dai paesi islamici e diretti negli Stati Uniti e in Canada, che dovranno accontentarsi di leggere sullo smartphone) ma non fa cenno a quello che viene definito dagli esperti la nuova frontiera della lettura digitale: il Phablet. Si tratta di un dispositivo, dalle dimensioni comprese tra 5.1 e 6.99 pollici (ovvero da 12,9 a 17,7 centimetri circa), che dovrebbe riunire le caratteristiche dello smartphone e del tablet e quindi essere adatto anche alla lettura degli ebook.

Intanto continua la saga dell’Iva sull’ebook. Secondo il ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, l’Ecofin sta per dare via libera all’equiparazione delle aliquote tra libri cartacei e digitali. Personalmente non ci crederò sinché la legge non sarà approvata in via definitiva dall’Europa.

Infine, una curiosità: tra i premi che Radio dimensione suono (RDS) regala agli ascoltatori che partecipano ai giochi e danno la risposta esatta, vi sono anche gli ebook. Un altro segnale del cambiamento dei tempi.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cybersicurezza, quando Wikileaks svela i segreti degli hacker della Cia

next
Articolo Successivo

Lega Prima Romics – Ecco i team che parteciperanno alla fase finale

next