Cittadini, pendolari e turisti bloccati a Milano dalle 8.45. A fermare il servizio pubblico di Atm – bus e metropolitane – è lo sciopero indetto dai sindacati, che è terminato alle 12.45. Uno stop fortemente criticato anche dal sindaco Beppe Sala e che avviene all’indomani dell’apertura del Salone del Mobile, uno degli eventi di punta della città meneghina. “Per me è uno sciopero sbagliato, ma rispetto il diritto dei lavoratori”, ha detto, senza precettare però i lavoratori e ribadendo che si tratta di un’iniziativalegittima“. E ritiene che non ci sia “una vera ragione per lo sciopero e su questo abbiamo evidentemente opinioni diverse con i sindacati“. Al centro la convenzione tra Atm e Comune di Milano che scade a maggio e a seguito della quale verrà fatta una gara per l’affidamento del servizio urbano. Un argomento all’ordine del giorno dell’incontro odierno a Palazzo Marino tra il primo cittadino, gli assessori ai Trasporti (Marco Granelli) e al lavoro (Cristina Tajani) e i sindacati.

Tornando ai particolari dell’agitazione, l’Azienda Trasporti Milanesi ha fatto sapere in una nota che la circolazione di tutte e quattro le linee metropolitane è stata sospesa e che si sono registrate riduzioni del servizio anche in superficie. Indetto da numerose organizzazioni sindacali (Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal, Orsa, Sama-Faisa e Cub), lo sciopero ha creato particolari disagi perché è in concomitanza con il Salone del Mobile. E in tanti hanno sfogato sui social la loro frustrazione per gli ingorghi e le difficoltà di raggiungere i luoghi della fiera. Disagi anche per chi vola a causa dello sciopero del personale Alitalia, con la sospensione del 60 per cento dei voli previsti per la giornata di mercoledì.

“Il prefetto diceva di essere pronto a firmare il decreto per la precettazione, ma il sindaco, pur definendo lo sciopero ‘sbagliato” ne ha difeso il diritto, ha scritto in una nota il Codacons, che si è chiesto: e adesso chi “risponde per i danni ai cittadini? Prefetto? Sindaco? O Atm?”, si legge nel comunicato. Per poi passare all’attacco diretto: “Prefetto e sindaco sono e rimangono dirigenti pubblici che in qualsiasi altra azienda privata sarebbero stati licenziati”. Intanto – conclude la nota- “chi ci rimette sono sempre i cittadini-consumatori, costretti a fare i conti con l’ennesima giornata nera dei trasporti pubblici e costretti a patire in silenzio l’ennesimo disagio“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Troppe scene di sesso nel film”. L’attrice è furibonda e quando incontra il produttore si vendica così

next
Articolo Successivo

Torino, parla lo stalliere torturato dai due titolari del maneggio. “Ero a testa in giù, lui disse: ti sbudello come un capretto”

next