Super Mario Run è da oggi disponibile anche per i possessori di smartphone e tablet Android, il gioco resta invariato rispetto alla versione rilasciata a dicembre per i dispositivi Apple, così come non cambia il costo: il gioco è scaricabile gratuitamente, permettendo di giocare ai primi livelli, ma per poter accedere a tutti i mondi ed a tutte le funzionalità sarà necessario effettuare l’upgrade alla versione completa al costo di 9,99 euro.

Per giocare a Super Mario Run è richiesto uno smartphone (o tablet) che equipaggi almeno la versione 4.2 di Android, rendendo di fatto il gioco potenzialmente accessibile anche a dispositivi non propriamente recenti – Android 4.2 è stato rilasciato a fine 2012 – anche se resta da vedere la compatibilità effettiva con dispositivi già all’epoca meno performanti.

Qualora non lo abbiate già scaricato, potete farlo facilmente accedendo al Play Store  dal vostro dispositivo, in alternativa potete far partire l’installazione andando sulla pagina web dello store dal vostro PC. Buon divertimento! :D

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razer Ornata Chroma, la nostra prova dell’innovativa tastiera entry-level di Razer

prev
Articolo Successivo

Dig.Eat 2017: “Il digitale in Italia? Un disastro. Servono formazione e investimenti”

next