Una bomba a mano, disinnescata ma carica di esplosivo, e una cartucciera con proiettili vuoti, sono stati trovati in un pacco postale che stava per essere caricato in un volo misto, merci e passeggeri, diretto a Roma Fiumicino. Il plico proveniva dalla base Usa di Sigonella ed era stato consegnato al Terminal merci dello scalo Fontanarossa da uno spedizioniere. Il pacco postale era diretto negli Stati Uniti. A scoprirlo il personale della Sac, la società che gestisce lo scalo etneo.  Gli investigatori precisano che l’ordigno era “inerte”: in pratica non poteva esplodere.

“L’episodio si è verificato nelle prime ore del pomeriggio – fa sapere l’ufficio stampa della Sac – e ha comportato la sospensione delle attività del terminal merci per le necessarie operazioni di bonifica da parte delle unità cinofile e degli artificieri della Polizia di Stato e in presenza della Guardia di Finanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il sindaco di Cantù: “Napoli fogna infernale”, de Magistris: “Querela per diffamazione”

next
Articolo Successivo

Sanremo, incendio in un palazzo: morti due anziani, marito e moglie. Lei trovata a letto, lui si è gettato dalla finestra

next