Si è tenuto a Yekaterinburg, in Russia, il primo torneo al mondo di “auto curling“. Si tratta di una una curiosa variante, con le automobili al posto delle pietre di granito, del famoso sport invernale inventato in Scozia nel 1500. Quattro squadre, formate da 10 giocatori ciascuna, si sono sfidate su una pista ghiacciata. L’obiettivo, come nel curling tradizionale, è quello di spingere l’auto verso l’area denominata “casa” (home), delimitata da alcuni anelli colorati. L’idea di fare un torneo è venuta ad un gruppo di manager di una compagnia assicurativa che si sono ispirati agli incidenti automobilistici causati dalla strada ghiacciata

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siete tra quelli che ridono delle sfighe altrui? Allora godetevi questo video

prev
Articolo Successivo

“Aiuto, i peluche hanno rapito mio figlio”. Papà cerca il suo bambino, guardate dove è finito

next