“Ogni incontro è una storia. Ogni luogo ha una storia”. E’ la filosofia alla base dello spettacolo di Barbara Alberti e di Vauro, “Quante storie”, in programma al Teatro Vittoria di Roma il 21 e il 22 marzo. La scrittrice, ospite di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), racconta la genesi del lavoro, il suo rapporto con Vauro, i temi affrontati nell’opera. E si sofferma sulla situazione politica del Paese, sulla crisi della sinistra, sulla maternità surrogata, sul libero arbitrio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Teatro, Barbara Alberti a Vauro: “Cosa vuole il geloso? Le corna”. Il debutto con ‘Quante storie!’ dell’insolita coppia

prev
Articolo Successivo

Quante storie, lo spettacolo di Vauro e Barbara Alberti. Le date del tour

next