“Ogni incontro è una storia. Ogni luogo ha una storia”. E’ la filosofia alla base dello spettacolo di Barbara Alberti e di Vauro, “Quante storie”, in programma al Teatro Vittoria di Roma il 21 e il 22 marzo. La scrittrice, ospite di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), racconta la genesi del lavoro, il suo rapporto con Vauro, i temi affrontati nell’opera. E si sofferma sulla situazione politica del Paese, sulla crisi della sinistra, sulla maternità surrogata, sul libero arbitrio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teatro, Barbara Alberti a Vauro: “Cosa vuole il geloso? Le corna”. Il debutto con ‘Quante storie!’ dell’insolita coppia

next
Articolo Successivo

Quante storie, lo spettacolo di Vauro e Barbara Alberti. Le date del tour

next