Giovedì 16 marzo a Roma, all’interno di Let’s Play (evento dedicato al mercato videoludico attualmente in corso nella capitale), si è svolta la cerimonia di premiazione dei Premi Drago D’Oro, premio italiano promosso da AESVI (Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani) che celebra e promuove il valore artistico e culturale dei videogiochi. I premi sono stati assegnati in 19 categorie aperte al mercato globale più 4 riservate ai soli videogame sviluppati in Italia, denominati Drago D’Oro Italiano, in base al giudizio di una giuria di qualità capitanata da Luca Tremolada de Il Sole 24 Ore ad esclusione, ovviamente, del Premio Speciale del Pubblico assegnato in base ai voti raccolti sul sito ed il premio Videogioco Più Venduto assegnato in base ai dati forniti da  GFK. Vediamo tutti i vincitori:

  • Videogioco dell’Anno: Final Fantasy XV
  • Miglior App: Pokémon GO
  • Miglior Colonna Sonora: The Last Guardian
  • Miglior Gameplay: Overwatch
  • Miglior Grafica: Uncharted 4: Fine di un Ladro
  • Miglior Personaggio: Trico (The Last Guardian)
  • Miglior Sceneggiatura: Firewatch
  • Miglior Videogioco di Azione/Avventura: Uncharted 4: Fine di un Ladro
  • Miglior Videogioco di Corse: Forza Horizon 3
  • Miglior Videogioco di Ruolo: Dark Souls III
  • Miglior Videogioco di Strategia: Civilization VI
  • Miglior Videogioco Indie: INSIDE
  • Miglior Videogioco per la Famiglia: LEGO Dimensions
  • Miglior Videogioco Platform: Super Mario Run
  • Miglior Videogioco Sparatutto: Titanfall 2
  • Miglior Videogioco Sportivo: NBA 2K17
  • Videogioco Più Innovativo: Batman: Arkham VR
  • Videogioco Più Venduto: FIFA 17
  • Premio Speciale del Pubblico: Uncharted 4: Fine di un Ladro

Per il Drago D’Oro Italiano i vincitori sono:

  • Miglior Videogioco Italiano: Redout
  • Miglior Realizzazione Tecnica: Valentino Rossi: The Game
  • Miglior Game Design: Little Briar Rose
  • Miglior Realizzazione Artistica: The Town of Light
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

DIG.Eat 2017, l’evento a Roma per discutere di sviluppo del digitale in Italia

prev
Articolo Successivo

Lega Prima – Romics: alla fiera del fumetto di Roma le finali del campionato italiano di League of Legends

next