Non una messa ma un momento di ricordo e di preghiera in chiesa. Così la famiglia di Fabiano Antoniani in arte Fabo, ha deciso di ricordare il dj morto il 27 febbraio scorso attraverso il suicidio assistito. La cerimonia si è svolta venerdì 11 marzo a Milano nella chiesa di Sant’Ildefonso. “Valeria (la ragazza ndr) e la mamma sono due grandi donne – ha detto Mina Welby, vedova di Piergiorgio -. Nonostante il dolore hanno accompagnato Fabo quando lui ha deciso di voler morire. E’ la cosa più grande che potevano fare”. Marco Cappato, il leader radicale che ha aiutato il dj ad andare in Svizzera, è arrivato in chiesa insieme alla mamma di Fabo ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Alla cerimonia ha partecipato anche Giuseppe Sala, sindaco di Milano. “Quello del fine vita è un tema che va regolamentato – ha detto – Il parlamento è più indietro della società civile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, Ficarra e Picone: “Governo Gentiloni ha tagliato il fondo? No, ha proprio toccato il fondo”

next
Articolo Successivo

Tagikistan, “l’indipendenza economica salva le donne dagli abusi domestici”

next