Non una messa ma un momento di ricordo e di preghiera in chiesa. Così la famiglia di Fabiano Antoniani in arte Fabo, ha deciso di ricordare il dj morto il 27 febbraio scorso attraverso il suicidio assistito. La cerimonia si è svolta venerdì 11 marzo a Milano nella chiesa di Sant’Ildefonso. “Valeria (la ragazza ndr) e la mamma sono due grandi donne – ha detto Mina Welby, vedova di Piergiorgio -. Nonostante il dolore hanno accompagnato Fabo quando lui ha deciso di voler morire. E’ la cosa più grande che potevano fare”. Marco Cappato, il leader radicale che ha aiutato il dj ad andare in Svizzera, è arrivato in chiesa insieme alla mamma di Fabo ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Alla cerimonia ha partecipato anche Giuseppe Sala, sindaco di Milano. “Quello del fine vita è un tema che va regolamentato – ha detto – Il parlamento è più indietro della società civile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, Ficarra e Picone: “Governo Gentiloni ha tagliato il fondo? No, ha proprio toccato il fondo”

prev
Articolo Successivo

Tagikistan, “l’indipendenza economica salva le donne dagli abusi domestici”

next