Non una messa ma un momento di ricordo e di preghiera in chiesa. Così la famiglia di Fabiano Antoniani in arte Fabo, ha deciso di ricordare il dj morto il 27 febbraio scorso attraverso il suicidio assistito. La cerimonia si è svolta venerdì 11 marzo a Milano nella chiesa di Sant’Ildefonso. “Valeria (la ragazza ndr) e la mamma sono due grandi donne – ha detto Mina Welby, vedova di Piergiorgio -. Nonostante il dolore hanno accompagnato Fabo quando lui ha deciso di voler morire. E’ la cosa più grande che potevano fare”. Marco Cappato, il leader radicale che ha aiutato il dj ad andare in Svizzera, è arrivato in chiesa insieme alla mamma di Fabo ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Alla cerimonia ha partecipato anche Giuseppe Sala, sindaco di Milano. “Quello del fine vita è un tema che va regolamentato – ha detto – Il parlamento è più indietro della società civile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

Tagikistan, “l’indipendenza economica salva le donne dagli abusi domestici”

next