Al Lingotto di Torino per presentare la sua mozione e lanciare la corsa alle primarie per la segreteria del Pd (leggi l’articolo), Matteo Renzi ha incassato anche il Sì di Piero Fassino. Che prima del discorso dell’ex premier annuncia: “Quando qualcuno se ne va è sempre un momento di dolore, dopodiché siamo convinti che il progetto del Pd mantenga la sua validità. Sarà poi la storia a giudicare chi avrà ragione”. Lo stesso Fassino che nelle sue ormai famose, e tragiche, profezie affermava: ““Grillo metta in piedi un’organizzazione, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende”. Era il 2009

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Renzi al Lingotto: ‘Necessario essere segretario e candidato premier. Tessere? Sono 420mila, qualche abuso può esserci’

next
Articolo Successivo

Renzi non fa nomi: “I cinquestelle… che dall’antipolitica son passati all’europeismo e viceversa: l’Europa à la carte”

next