Duro scontro a La Gabbia Open (La7) tra il vicedirettore del Fatto Quotidiano Marco Lillo e il giornalista dell’Unità Fabrizio Rondolino. Al centro della discussione il caso Consip. Secondo Rondolino la fuga di notizie è l’unico reato sicuro dell’inchiesta, che ha danneggiato le indagini e la reputazione degli indagati: “Nel caso Consip inventato da Woodcock e dal Fatto, non ci sono né soldi né tangenti”. Tesi contestata da Marco Lillo. “Tu dovresti fare il giornalista, racconta i fatti. Io penso che Rondolino, quando parla in televisione, parla pensando a Matteo Renzi che lo guarda e non ai telespettatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davigo (Anm): “Scorta? Non è vita”. L’anticipazione della puntata di stasera de La Gabbia

next
Articolo Successivo

M5s, Morra: “Emiliano apre al movimento? Diventi nostro attivista e rispetti le nostre regole”

next