“Cosa vuoi regalare quest’anno per l’ 8 marzo?”. “Le donne vogliono una mimosa o diritti?”. A lanciare la provocazione è l’associazione Mezzaluna rossa Kurdistan Italia, onlus che si occupa di raccolta fondi per il miglioramento della sanità in Kurdistan. In occasione della festa della donna ha promosso una campagna di crowdfunding, intitolata “8 Marzo per il Rojava“. Una campagna che rientra in un progetto più ampio, che prevede la ricostruzione dell’ospedale di Tell Tamer distrutto dai bombardamenti dell’Isis nel dicembre 2015 e la possibilità di offrire cure sanitarie di primo e secondo livello. Il tutto con un’attenzione particolare alle donne, fulcro della società curda. Ampio spazio, infatti, sarà dato al reparto di ginecologia e ostetricia. La raccolta fondi “8 Marzo per il Rojava” è finalizzata all’acquisto dei macchinari e delle attrezzature necessarie per evitare le troppe morti o infezioni, malattie e lesioni connesse alla gravidanza e al parto.  Per ogni donazione sarà inviata per email una cartolina solidale di ringraziamento, da poter regalare o tenere per sé.

Per donare clicca qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenza donne, associazioni su condanna Ue all’Italia: “Pericoli sottostimati, legge interviene dopo e non protegge”

next
Articolo Successivo

Bambini rom e scuola, una ruspa non può abbattere la nostra Costituzione

next