Durissima invettiva di Marco Lillo, direttore di Paper First e autore dell’inchiesta Consip su Il Fatto Quotidiano, nel corso di Omnibus (La7). Il giornalista accusa stampa e tv, escludendo La7, di aver letteralmente ignorato la vicenda che ha coinvolto il padre di Matteo Renzi e l’imprenditore campano Alfredo Romeo, arrestato per corruzione. “Sul Fatto abbiamo raccontato questo due settimane fa” – precisa Lillo – “nel totale disinteresse di tutti i giornali e telegiornali, che soltanto oggi scoprono l’inchiesta e non possono fare a meno di parlarne, perché è stato arrestato Romeo”. Non ci sta la conduttrice Alessandra Sardoni, che invita il vicedirettore del Fatto a non indugiare in polemiche. Ma Lillo sottolinea: “Questa è una cosa molto seria. Sul Fatto abbiamo fatto due prime pagine su questa storia e non c’è stato un solo tg che le ha riportate. La7 è l’unica rete che se n’è occupata un po’. Ma è abbastanza scandaloso che nessun giornale italiano ne abbia parlato. Non è una cosa su cui glissare: c’è il padre del presidente del Consiglio di allora, coinvolto in un appunto in cui si parla di 30mila euro e la stampa italiana non lo ha raccontato”. “Non è vero, l’Unità lo ha scritto“, mormora il deputato Pd, Andrea Romano, ospite della trasmissione. Lillo ricostruisce tutta la vicenda e si sofferma sul “pizzino”, ripescato in una discarica romana e poi ricostruito dagli inquirenti, appunto in cui Romeo, parlando con Carlo Russo, avrebbe quantificato in “30mila euro” i soldi da dare a “T”. Secondo i pm, la lettera “T” dovrebbe evocare le iniziali di Renzi senior. Il giornalista poi aggiunge: “Luigi Marroni, amministratore delegato della Consip e teste dell’inchiesta, ha detto ai Carabinieri che fece rimuovere le cimici piazzate dai pm negli uffici Consip perché Luca Lotti lo avvisò delle indagini. E per questo motivo il braccio destro di Renzi è indagato. Signori, ma questo è uno scandalo nazionale o no? E’ possibile che Marroni e Lotti restino al loro posto? La situazione è tale che o si dimette Marroni oggi o si dimette Lotti. Non è accettabile, è una vergogna“. Interviene il giornalista di Repubblica, Massimo Giannini, che osserva: “Mi prendo la critica di Marco Lillo, ma non è vero che i giornali non hanno parlato dell’inchiesta Consip. E’ vero che forse dovevano parlarne di più“. E Lillo insorge: “Repubblica ha messo nell’edizione di Napoli la notizia di Consip, che è la prima stazione appaltante d’Italia”. “Ho appena detto che i giornali se ne dovevano occupare di più, te ne ho dato atto” – replica Giannini – “Non ti inalberare troppo. Sia lode al Fatto Quotidiano, che ha fatto un eccellente lavoro. Adesso ce ne occupiamo tutti, facendo anche qualche ammenda. Sono d’accordo con te”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Reddito cittadinanza, Bagnai vs Furfaro: “Sono le riforme Hartz: dare pochi soldi alle persone con il ricatto”

next
Articolo Successivo

Consip, Lillo vs Romano: “Faccio giornalismo, parola a te sconosciuta”. “Calmati, non siamo a una riunione del Fatto”

next