Ospiterà novità e innovazioni nel campo degli smartphone, dei tablet e dei wearable, e vedrà in quest’edizione particolare attenzione alla connettività 5G. È in programma dal 27 febbraio al 2 marzo a Barcellona il Mobile World Congress, la più grande fiera mondiale dedicata al mercato mobile che ormai da 11 anni ha casa proprio nella città spagnola ed è capace di attrarre oltre 50mila visitatori ogni anno. Ma le novità più interessanti per il pubblico arriveranno già da domenica 26, quando i principali produttori hanno organizzato eventi e conferenze dove mostrare ai riflettori i propri nuovi prodotti.

Come ogni anno i giorni che precedono l’evento sono un susseguirsi di rumors, teaser e leaks. Tra i dispositivi più attesi troviamo LG G6, il nuovo flasgship della casa coreana, e i nuovi Nokia firmati HMD, con in testa il nuovo 3310. Vediamoli nei dettagli nelle prossime pagine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uber, Google denuncia l’azienda di trasporti privati per presunto furto della tecnologia di guida senza pilota

prev
Articolo Successivo

Nuovo Nokia 3310, il ritorno del mito (FOTO)

next