“L’ong non è una vera organizzazione umanitaria e fa propaganda palestinese“. Con queste parole il governo israeliano ha negato il visto di lavoro al direttore di Human Rights Watch (Hrw) per Israele e Palestina Omar Shakir e ha specificato che al personale straniero dell’organizzazione non saranno più concessi permessi per entrare nel Paese. Al centro l’attività di Hrw, che Tel Aviv considera “di parte”, “ostile”. In sostanza, “non una vera organizzazione umanitaria” anche perché “fa propaganda palestinese”. “Siamo stanchi di porgere l’altra guancia – ha spiegato ai media il portavoce del ministero degli esteri israeliano Emmanuel Nachshon – L’organizzazione – ha aggiunto – opera in maniera evidente ed inequivocabile contro lo Stato d’Israele, in un modo totalmente sbilanciato”.

La ong, che si dichiara “sconvolta” dalla decisione, mesi fa ha redatto numerosi rapporti critici nei confronti dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi,  aveva chiesto un visto per il nuovo direttore dell’ufficio responsabile per Israele ed i territori Omar Shakir, cittadino americano. La risposta è arrivata il 20 febbraio scorso, quando è stato annunciato che la richiesta era stata respinta con la motivazione, riferisce Hrw, che la ong “non è veramente un’organizzazione per la difesa dei diritti umani”.

Secondo il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Emmanuel Nahshon, Human Rights Watch “ha costantemente dimostrato di essere un’organizzazione di parte ed anti-israeliana, con un ordine del giorno ostile”. “Perché – ha accusato – dovremmo accordare permessi di viaggiare a persone il cui solo scopo e di denigrarci e attaccarci?”. Il portavoce ha precisato che comunque il personale palestinese e israeliano della ong può continuare a lavorare. Le autorità israeliane, ha denunciato dal canto suo Shakir, “non sono capaci di fare una distinzione tra una critica sincera e la propaganda“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Londra, una donna a capo di Scotland Yard: è la prima volta nella storia

prev
Articolo Successivo

Le Pen, leader del Front National sfida i giudici che indagano su incarichi fittizi: non va all’interrogatorio

next