La Lega Nord è stata condannata per discriminazione e dovrà pagare 10mila euro di risarcimento – oltre ad altri 4mila euro di spese processuali – per i manifesti affissi a Saronno (Varese) ad aprile. Cartelloni comparsi nel comune guidato dal leghista Alessandro Fagioli in cui 32 richiedenti asilo che dovevano essere ospitati in città venivano definiti “clandestini”. A deciderlo è stata la prima sezione civile del tribunale ordinario di Milano, che ha accolto il ricordo delle associazioni Asgi (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione) e Naga (Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti onlus), difesi dagli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri. Per i giudici “con l’epiteto di ‘clandestino‘ si fa chiaramente riferimento ad un soggetto abusivamente presente sul territorio nazionale, ed è idoneo a creare un clima intimidatorio (implicitamente avallando l’idea che i ‘clandestini’, non regolarmente soggiornanti in Italia, devono allontanarsi)”.

Inoltre, ha proseguito il giudice, “contrariamente rispetto a quanto indicato nei manifesti per cui è causa, i 32 ‘clandestini’ sono persone che, esercitando un diritto fondamentale, hanno chiesto allo Stato italiano di riconoscere loro la protezione internazionale”. Quindi la parola ‘clandestini‘ – nei cartelloni che riportavano le scritte “Saronno non vuole clandestini“, “Renzi e Alfano vogliono mandare a Saronno 32 clandestini: vitto alloggio e vizi pagati da noi. Nel frattempo ai saronnesi tagliano le pensioni ed aumentano le tasse”, “Renzi e Alfano complici dell’invasione” – veniva attribuita loro con intento discriminatorio.

Una sentenza contro la quale è intervenuto Matteo Salvini: “C’è qualcuno che, oltre ad imporci un’immigrazione fuori controllo, vuole imporci anche una nuova lingua italiana – ha detto ad IntelligoNews -. E dunque, io continuerò a pronunciare la parola messa al bando. Siamo alla follia – aggiunge Salvini – si perseguono gli italiani e i vocaboli usati. Io sono andato a controllare sulla Treccani il termine, onde evitare fraintendimenti… Basta leggere un dizionario della lingua italiana”. Già nei mesi scorsi, il sindaco Fagioli si era opposto al Piano nazionale messo a punto dal Viminale, e aveva bloccato l’apertura di una struttura per 32 richiedenti asilo chiesta dalla prefettura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Taranto, assolto per l’omicidio del 1995. Scarcerato dopo 20 anni di detenzione

prev
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi in Procura come testimone dopo aver denunciato una “olgettina”

next