Aspra contesa a La Gabbia Open (La7) tra il senatore Ncd Carlo Giovanardi tra il conduttore Gianluigi Paragone e gli ospiti in studio (l’opinionista Klaus Davi e il giornalista David Parenzo). Tema del contendere, lo stipendio dei parlamentari considerato elevato. Il senatore contesta la tesi, carte alla mano, del giornalista del Corriere della sera Aldo Cazzullo, secondo cui i parlamentari guadagnano 4 volte più di un chirurgo. Dalla disamina della busta paga del senatore da parte del conduttore, parte lo scontro in cui Giovanardi coinvolge le varie categorie di lavoratori tra cui i magistrati. Il senatore viene subito contestato da Davi “I magistrati rischiano la vita contro i mafiosi”, innescando una polemica furiosa in cui viene coinvolto anche Parenzo. “Io sono stato scelto dagli elettori tu invece sei stato scelto da confindustria” lo attacca Giovanardi, coadiuvato dall’intervento del forzista Gianfranco Rotondi che lancia una dura accusa ai mass media, rei a suo dire, di aver contribuito a separare il popolo dai suoi rappresentanti. Paragone conclude polemicamente: “L’Europa ha svuotato il Parlamento della propria funzione, tanto che è inutile pagare mille parlamentari per non fare niente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fake news, Di Battista: “Chat? Siamo bersaglio di editori impuri che curano interessi economici”

prev
Articolo Successivo

Pd, Emiliano e il video del M5s Puglia sulle sue contraddizioni: “Mi vogliono come loro leader, ma non è possibile”

next