“Volevo andare in pensione, ma quello che mi è scattato è aver visto quanto bisogno c’è di buona politica”. Giuliano Pisapia usa queste parole per spiegare la nuova iniziativa di ‘Campo progressista’, un “campo aperto” che si propone di tenere unite le istanze provenienti dal mondo della sinistra. “Non deve più succedere che, come è accaduto negli ultimi tre anni, si possa pensare che una parte del centrosinistra governi con la destra e con il centrodestra. Non lo voglio più vedere”, ha detto l’ex sindaco di Milano nel corso di un incontro organizzato nel capoluogo lombardo per presentare il progetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Prodi: “Scissione? Ha sempre effetto negativo. No a voto anticipato”

next
Articolo Successivo

Renzi bis ovvero la ferrea legge del gambero

next