La produzione industriale tedesca ha registrato a dicembre un tonfo del 3% sul mese precedente: è il calo più pesante dal gennaio del 2009. Un dato molto più debole rispetto alle previsioni degli economisti interpellati da Reuters, che si attendevano una crescita dello 0,3%. Il calo è dovuto ai crolli del 3,4% della manifattura e dell’1,7% delle costruzioni. La rilevazione di novembre è stata invece rivista a +0,5%, con un ritocco al rialzo di 0,1 punti percentuali. Nel complesso, nel terzo trimestre la produzione industriale tedesca ha mostrato una flessione dello 0,1%, stando ai dati dell’Ufficio di statistica federale Destatis.

Su base annua, a dicembre è stato registrato un calo dello 0,7%. Il ministero dell’Economia tedesco ha tuttavia precisato come gli ordini di manifatturiero ed edilizia, insieme con gli indicatori di fiducia, segnalino “una ripresa della crescita della produzione nei prossimi mesi”. Il dato dimostra comunque come nemmeno la maggiore economia dell’Eurozona, i cui cittadini andranno alle urne il prossimo settembre, sia immune dall’incertezza politica e dai dubbi sulla tenuta della moneta unica che in questi giorni stanno spingendo al rialzo i tassi di interesse sui titoli di Stato dei Paesi più deboli. Tanto più dopo le aperture della cancelliera Angela Merkel, per la prima volta sopravanzata nei sondaggi dal socialdemocratico Martin Schulza una “Europa a due velocità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, limiti ai compensi dei vertici di quelle aiutate dallo Stato. Più tempo per i rimborsi a obbligazionisti di Etruria & c

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, Padoan: “Spread sgarbato ricorda che non possiamo non occuparci del debito”. E prepara aumento accise

next