Su Parigi pesa l’incertezza politica, con il progresso del Front National (dichiaratamente anti europeista e favorevole all’uscita dall’euro) in vista delle presidenziali di aprile. Su Roma incombe la manovra correttiva chiesta dall’Unione europea, che dovrà essere varata in tempi rapidi da un governo il cui orizzonte di vita non è chiaro. Risultato: i tassi di interesse dei titoli di Stato decennali di Francia e Italia hanno subìto un’impennata, chiudendo la seduta ai massimi dall’autunno 2014, rispettivamente all’1,14 e al 2,36% contro l’1,80 e il 2,25% di venerdì. Il differenziale (spread) rispetto al rendimento degli omologhi tedeschi, i Bund, si è attestato di conseguenza a quota 199 punti per l’Italia e 77,3 per la Francia. Lo spread Btp-Bund, nel pomeriggio, è arrivato a superare i 200 punti per la prima volta dal febbraio 2014, prima dell’insediamento del governo Renzi.

L’impennata dei tassi comporta ovviamente un aumento dei costi che lo Stato affronta per rifinanziare il debito pubblico. E quello italiano, come è noto, ha proporzioni monstre: più di 2.200 miliardi di euro. Così, secondo un’analisi del Centro studi Unimpresa, se lo spread rimanesse a quota 200 punti il conto per l’Italia sarebbe tra i 12 e i 20 miliardi di euro. Il costo del servizio del debito indicato nell’ultimo Documento di economia e finanza è stato pari a 83,8 miliardi nel 2013 e 90,3 miliardi nel 2014, quando il differenziale viaggiava appunto attorno a quota 200 punti base. Nel 2015 la spesa è scesa a 68,2 miliardi e l’anno scorso a 66,4 miliardi. Il governo stima esborsi pari a 63,5 miliardi nel 2017 e 62,5 miliardi nel 2018, ma se la corsa al rialzo dei tassi dovesse proseguire il costo lieviterà.

Il totale dei titoli di Stato in circolazione vale 1.782,6 miliardi. Nel 2017 va rinnovato debito per complessivi 306,7 miliardi, di cui 277,03 miliardi a tasso fisso e 29,7 miliardi a tasso variabile: 96,3 miliardi di Bot, 156,9 miliardi di Btp, 29,7 miliardi di Cct e 23,7 miliardi di Ctz. Nel 2018 arrivano a scadenza altri 176,8 miliardi, 150,6 miliardi a tasso fisso e 26,1 miliardi a tasso variabile: 139,3 miliardi di Btp, 26,1 miliardi di Cct e 11,3 miliardi di Ctz.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rottamazione cartelle, consulenti del lavoro: “Aziende che aderiscono non possono partecipare a appalti pubblici”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, procedura semplificata per proposta Ue di finanziare la ricostruzione. M5S: “Compromesso al ribasso”

next