Mentre i clienti europei continuano a rimanere a bocca asciutta, Volkswagen si è accordata per versare altri 1,22 miliari di dollari ai clienti statunitensi. Il gruppo tedesco riparerà o ricomprerà  negli Usa quasi 80mila veicoli con motore diesel 3 litri, in modo da risolvere i reclami legati al Dieselgate. E’ quanto emerge dalle carte giudiziarie. Non solo: anche il fornitore tedesco Robert Bosch, che produce la maggior parte delle centraline finite al centro dello scandalo delle emissioni truccate, ha inoltre concordato il pagamento di 327,5 milioni di dollari ai proprietari statunitensi di vetture diesel della casa di Wolfsburg con i marchi Porsche, Volkswagen e Audi.

In precedenza Volkswagen aveva già annunciato accantonamenti per 18,2 miliardi di euro per coprire le spese correlate allo scandalo. Il patteggiamento raggiunto con la Federal Trade Commission porta dunque ad oltre 23 miliardi il totale dell’esborso negli Stati Uniti tra sanzioni, riacquisti e riparazioni. La nuova intesa con le autorità Usa arriva dopo il patteggiamento da 4,3 miliardi di dollari concordato l’11 gennaio per chiudere le cause penali e quello da 17,5 miliardi sulle cause civili avviate sui circa 475mila veicoli con motore diesel da 2 litri di cilindrata. “Continueremo a lavorare per riguadagnare fiducia”, ha dichiarato in una nota l’amministratore delegato di Volkswagen negli Usa, Hinrich Woebken, sottolineando che l’accordo significa che tutti i clienti con veicoli coinvolti negli Usa ora hanno “una soluzione a loro disposizione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tango bond, Intesa Sanpaolo condannata in appello a risarcire cliente: “La banca sapeva che erano titoli rischiosi”

prev
Articolo Successivo

Conti pubblici, associazioni consumatori contro Padoan: “Nessuno tocchi le accise”

next