M5S? Non credo affatto che il movimento sia vicino a Trump. Anzi, penso che il M5S sia ciò per cui oggi non abbiamo Trump”. Sono le parole del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, durante Otto e Mezzo (La7), sul rapporto tra M5S, elettorato grillino e il neo-presidente degli Stati Uniti. “Il M5S” – spiega – “nei suoi aspetti concreti, giuridici, parlamentari e politici, è molto più vicino alla sinistra, al punto che sull’immigrazione e sulla famiglia vota spesso in modo simile al Pd. E questa, peraltro, è un’accusa spesso lanciata da Giorgia Meloni. Per questa ragione, Grillo dovrebbe chiarire le sue idee su quello che è il suo movimento”. La firma del Fatto si sofferma sull’”effetto Trump” nel movimento pentastellato: “Grillo cerca di cavalcarlo, ma così rischia di perdere consensi a sinistra e di dire anche emerite sciocchezze. Al di là di quello che Grillo ha detto al settimanale francese “Journal de Dimanche” e di quello che non hanno detto Fico e Di Maio, che si sono allontanati dal parere del leader M5S, trovo che ci siano due aspetti da considerare nel rapporto tra i 5 Stelle, elettorato grillino e Trump. Me ne sono accorto leggendo i commenti al mio articolo molto critico nei confronti di Trump. E gli insulti più forti, belli e ricchi” – continua – “mi sono arrivati da elettori grillini, secondo cui Trump è stato eletto democraticamente e sta facendo quello che ha promesso, quindi non si deve rompere le scatole. E’ vero, ma non è che devo stare zitto se uno fa le cose che ha promesso e queste cose sono orrende. Anche Hitler aveva avuto il consenso del popolo. Bisogna che certa gente abbia le idee un po’ chiare sulla democrazia”. E aggiunge: “Il rischio per gli elettori grillini e soprattutto per Grillo è quello di odiare così tanto il cosiddetto “establishment” da esultare in maniera indiscriminata, a prescindere da chi vince. Questo è surreale e clamoroso perché si rischia di passare dalla padella alla brace”. Scanzi si pronuncia anche su Matteo Renzi (“Non ha più il polso della situazione”) e sui favoriti della nuova legge elettorale: “Renzi non raggiungerà mai il 40%, a dispetto di quello che dice lui. Il M5S non fa alleanze e al 40% non ci arriva. Paradossalmente potrebbe farcela il centrodestra, l’unico che ingoierebbe il rospo per fare una lista unica. Un Salvini, una Meloni, un Berlusconi e persino un Alfano per prendere un 2-3% ci potrebbero anche provare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cuperlo: “M5Ss? Non va bollato come populista. Pd? Sta male. Renzi non ha capito la sconfitta pazzesca”

next
Articolo Successivo

Trump, Scanzi vs Luttwak: “Lei sogna di sentire l’odore del napalm e di invadere la Polonia ascoltando Wagner”

next