“Perché il lobbista è forte quando si presenta davanti a un politico? Perché lo finanzia, quindi non c’è trasparenza“. Così il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio a Otto e mezzo (La7) commenta l’istituzione del registro parlamentare dei lobbisti. “Oggi è impossibile sapere chi prende i soldi dai lobbisti per favorire una certa legge, attraverso mille escamotage per tenere occulti nomi e importi. Inoltre – aggiunge Travaglio – ci sono mille politici che hanno messo in piedi delle fondazioni, che sono dei paraventi, e l’elenco dei finanziatori è segreto perché c’è la privacy. Questa legge per essere efficace deve essere affiancata da un’altra legge che dice che ogni politico deve dichiarare fino all’ultimo centesimo da chi ha ricevuto quei soldi, altrimenti puzzeranno sempre di tangenti”. Diversa l’opinione del vicepresidente Pd, Matteo Ricci:”La legge è un passo avanti sulla trasparenza e io ho dovuto rendicontare tutte le spese con i finanziatori, quindi non so di che legge parli Travaglio che ha detto molte cose non vere”. “Sono totalmente vere”, replica il direttore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bettino Craxi, Sala pensa di dedicare una via al leader socialista morto da latitante: “Riapriamo il dibattito”

next
Articolo Successivo

Craxi, Gomez contro Sala: “Intitolargli una via? Presa per i fondelli nei confronti dei milanesi”

next