Il Capodanno di Roma? E’ stato molto bello. Ho visto dopo tantissimi anni in spazi non sempre utilizzati della città, persone molto serene e contente di stare insieme”. E’ il bilancio positivo che l’assessore alla Cultura e vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, fa del Capodanno capitolino organizzato dalla giunta Raggi. Ospite di “Roma ogni giorno”, su Radio Roma Capitale (93 Fm a Roma), Bergamo racconta: “Non c’è stata una lite, c’erano adulti, bambini, ragazzi, ragazze di ogni colore. Al Circo Massimo non c’è stato nessun diverbio, sui Lungotevere non c’era una carta gettata a terra. C’è stato un clima profondamente sereno. E difficilmente si vive serenamente in questi giorni: dalla paura per il terrorismo al nervosismo per il traffico della città fino alle incertezze per il futuro. È una città che ha voluto vivere una festa tornando insieme”. E aggiunge: “Alcuni mesi fa l’eurobarometro della Commissione Europea ha fatto una indagine sulle grandi aree urbane e ne ha misurato il livello di fiducia che i cittadini nutrono gli uni nei confronti degli altri: Roma era molto in fondo alla graduatoria. Questa festa di Capodanno è stata parte di un’azione finalizzata a eliminare questa sfiducia. La città ha bisogno di avere fiducia nel futuro. Qui c’è stata in passato mala gestione o mancanza di gestione. Festeggiamo il nuovo anno: ciò che viene avanti e non il precedente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezia, Salvini sulla rivolta di Cona: “Se sarò premier, espulsioni di massa”. Malan: “Basta taxi nel Mediterraneo”

prev
Articolo Successivo

M5s, Giannuli vs Gumpel e Marattin (Pd): “Ringraziate Iddio che esiste e mantiene la protesta nei limiti della democrazia”

next