“Ricordarsi di essere sempre umani e che essere cittadini vuol dire impegnarsi a fare qualcosa di buono, di corretto tutti i giorni e ricordarsi che questa città è di tutti quindi dobbiamo tutti aiutare questa città a riprendersi. Noi ce la mettiamo tutta anche i romani devono fare la loro parte e so che già lo stanno facendo”. E’ l’augurio della sindaca di Roma, Virginia Raggi, che ha partecipato al pranzo dei poveri della Comunità di Sant’Egidio nella Basilica di Santa Maria in Trastevere.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Virginia Raggi alla messa della Caritas si commuove due volte: “E’ un momento un po’ complesso”

next
Articolo Successivo

Trasporto pubblico, la riforma infinita che blocca il Paese

next