A dieci anni dalla morte di Piergiorgio Welby, molto è cambiato.

Non le leggi italiane, che condannano al carcere l’omicida del consenziente, senza fare eccezione per i malati terminali che vogliono interrompere la loro sofferenza. Ma il Paese non è lo stesso. Attorno a Welby, una vicenda personale si trasformò in un’occasione per l’opinione pubblica di prendere coscienza di se stessa, di come il buon senso fatto di rispetto e compassione al capezzale di una persona amata – quando ci si preoccupa innanzitutto che quella persona possa soffrire il meno possibile – non vada relegato a fatto clandestino e nascosto, ma possa e debba essere affrontato senza paura, alla luce del sole.

welby_funerale-negatoDieci anni fa non mancò chi ci gridò “assassini”, o chi, più ambiguamente, sosteneva la necessità di maggiore sostegno e assistenza a Welby per meglio impedirgli di scegliere. E non mancò il Vaticano di Ruini a chiudere in faccia alla famiglia le porte della Chiesa negando il funerale religioso. Oggi non si trova più (quasi) nessuno, nemmeno negli ambienti clericali, a sostenere che Welby non avesse diritto a essere sedato per farsi sospendere la respirazione artificiale e morire. Dal Vaticano non è ancora arrivato un ripensamento, ma il fronte si è spostato sul campo – che comunque era anche il campo di Piergiorgio come radicale e co-Presidente dell’associazione Luca Coscioni – dell’eutanasia legale.

Dieci anni fa si trovò un solo medico in Italia ad assumersi la responsabilità di rischiare il carcere o anche solo il posto di lavoro: Mario Riccio. Poche settimane fa, il Tribunale di Cagliari ha ordinato alla Asl di fare per Walter Piludu ciò che il Tribunale di Roma negò a Piergiorgio Welby.

In dieci anni, molto è cambiato: opinione pubblica, giurisprudenza, consapevolezza della classe medica. L’impotenza della politica, quella ancora no. Ma la nonviolenza impone di non contemplare il peggio, ma operare per il meglio. C’è la nostra legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia. C’è una proposta di legge per il testamento biologico approvata in Commissione affari sociali e che potrebbe fare in tempo a diventare legge.

Piergiorgio era ostinato: cerchiamo di esserlo anche noi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieci anni fa moriva Piergiorgio Welby, la lettera al Presidente della Repubblica: “Voglio l’eutanasia”

next
Articolo Successivo

Attentati e migranti, perché Angela Merkel ha usato le migliori parole possibili

next