Alessandra Moretti ha deciso di rimettere il mandato da capogruppo del Pd in Veneto in seguito alle polemiche scoppiate per via del suo viaggio in India. Mentre i colleghi del Consiglio Comunale erano impegnati a discutere il bilancio, Moretti si trovava infatti in viaggio insieme al padre, come documentato da alcuni scatti postati su Instagram. “Questa mattina ho scritto ai consiglieri regionali del Pd – afferma Moretti in una nota – per convocarli lunedì mattina, durante quell’incontro intendo rimettere il mio mandato da capogruppo in Regione”. “Ritengo opportuno in questa fase – aggiunge – non esporre i colleghi a strumentalizzazioni di sorta,e pur avendomi loro rinnovato la fiducia, credo sia doveroso tutelare la coesione della squadra in Regione e nel contempo dare un segnale ai cittadini”. Queste le parole con le quali la capogruppo ha annunciato l’intenzione di rimettere il mandato.

Nei giorni scorsi, Moretti si era scusata su Facebook: “Avevo programmato il viaggio in India diversi mesi fa, assieme a mio padre. Siamo stati invitati al matrimonio di una persona a noi molto cara e abbiamo accettato con piacere l’invito, anche perché l’agenda del Consiglio Regionale del Veneto, al momento dell’invito stesso, era libera. Ho fatto, evidentemente, la scelta sbagliata. Chiedo scusa per aver deluso le persone che mi hanno dato fiducia e che ho mancato di rappresentare in questi quattro giorni”. Sempre nello stesso post, Moretti precisava di non essersi messa in malattia, “come sostiene qualche malalingua. Non sono stata presente in aula e pertanto non ho percepito alcun gettone di presenza come previsto dai regolamenti del Consiglio regionale per i consiglieri assenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Speranza: “Sarò al Congresso del partito, basta ad un uomo solo al comando”

prev
Articolo Successivo

Atac, presidente municipio M5s vince concorso da capotreno. Pd protesta: “Fare chiarezza”

next