L’Italia continua a perdere i suoi concittadini, che preferiscono cercare un futuro all’estero. In tutto nel 2015 sono stati 147mila, l’8% in più rispetto al 2014. E sono sempre di più i laureati con più di 25 anni che lasciano il Paese, quasi 23 mila nel 2015, +13% sul 2014, anche se l’emigrazione aumenta anche fra chi ha un titolo di studio medio-basso (52 mila, +9%). A rilevarlo è il report dell’Istat sulle ‘Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente‘ relativo al 2015.

Nel 2015 cresce il numero delle emigrazioni: un aumento dovuto esclusivamente alle cancellazioni di cittadini italiani (da 89mila a 102mila unità, pari a +15%), mentre quelle dei cittadini stranieri si riducono da 47mila a 45mila (-6%). Gli emigrati di cittadinanza italiana nati all’estero ammontano a oltre 23 mila: il 55% torna nel Paese di nascita, il 37% emigra in un Paese dell’Unione europea, il restante 8% si dirige verso un Paese terzo non Ue.

Un dossier che rileva anche i Paesi di destinazione preferiti: al primo posto c’è il Regno Unito (17,1%), che da solo ne ha attratti 3.790, pari al 32,1% del totale di immigrati Oltremanica. Seguono Germania (16,9%), Svizzera (11,2%) e Francia (10,6%). Nel 2015, il saldo migratorio con l’estero degli italiani con almeno 25 anni evidenzia una perdita di residenti pari a 51 mila unità, di cui tre su dieci (15 mila) sono individui in possesso di laurea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Aiutiamo gli italiani a lavorare a Melbourne. Da immigrato devi dimostrare di valere”

prev
Articolo Successivo

Etologo in Tanzania. “In Italia stress e frustrazione. Proteggere la natura mi rende felice”

next