“Voglio mandare un messaggio all’ammiraglio Albanese che in televisione ha fatto delle affermazioni gravissime”. A parlare è Loris Rispoli, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime del Moby Prince “140” mentre Sergio Albanese è l’ammiraglio che quella notte del 10 aprile 1991 era a capo della Capitaneria del porto di Livorno: spettava a lui impartire ordini e coordinare i soccorsi dopo la collisione a due miglia e mezzo dal porto di Livorno tra il traghetto Moby Prince con a bordo 141 persone e la petroliera della Snam Agip Abruzzo.

In un recente servizio delle Iene sulla strage del Moby Prince sono state mostrate diverse parti del traghetto integre, come ad esempio alcune cabine e la sala macchine, o le immagini di salvagenti e scatoloni di cartone mai raggiunti dalle fiamme. Nel servizio delle Iene l’ammiraglio Albanese liquida quelle immagini attaccando: “Questo so io chi lo dice. Un mitomane, un falso. Hanno taroccato le foto”.

Rispoli a sentire queste parole non ci sta, da 25 anni insieme agli altri familiari delle vittime continua a tenere viva l’attenzione su quel che accadde quella notte. Dal circolo Arci “Io sono 141” di Livorno manda un messaggio all’ammiraglio Albanese: “Pensare che chiunque abbia taroccato immagini o altro è veramente vergognoso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manuela Arcuri, 9mila euro per accendere le luci dell’albero di Natale a Salerno

prev
Articolo Successivo

Milano, rubano auto Enjoy mettendola in moto a spinta e se ne vanno al mare

next