Tra le sette finaliste del concorso Car of The Year 2017 c’è anche un’italiana, l’Alfa Romeo Giulia. Per conquistare l’ambito titolo di Auto dell’Anno, dovrà superare la concorrenza di modelli come Citroen C3, Mercedes Classe E, Nissan Micra, Peugeot 3008, Toyota C-HR e Volvo S90/V90. Non ce l’hanno fatta, invece, la Maserati Levante e la Fiat 124 Spider.

Giova ricordare che il concorso Car of the Year prende in considerazione, per poi scegliere la migliore, le auto più interessanti sotto il profilo tecnico e/o estetico arrivate sul mercato europeo nei 12 mesi precedenti la data di assegnazione del premio. Ed è organizzato da sette tra le più importanti riviste di settore, tra cui l’italiana Auto.

A decidere chi avrà la meglio sarà una giuria composta da 58 giornalisti di 22 Paesi europei, di cui sei italiani. Ognuno disporrà di 25 punti da assegnare almeno a cinque delle sette vetture che hanno raggiunto la fase finale. La vincitrice, infine, sarà annunciata alla vigilia dell’apertura del salone di Ginevra, il 6 marzo prossimo, come ormai accade da 4 anni a questa parte.

Il gruppo FCA torna così a competere per il titolo, dopo le due affermazioni del 2004 con la Fiat Panda e del 2008 con la Fiat 500. Le uniche in tempi relativamente recenti, dopo le due vittorie targate Alfa Romeo del 1998 e del 2001: allora toccò rispettivamente ad Alfa 156 e 147.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ford Kuga, missione Capo Nord. Il raid al Circolo Polare è da brividi – FOTO

prev
Articolo Successivo

Ford Fiesta, quella nuova è piena di tecnologia. Ed è già stata svelata – FOTO

next