Dopo la riconquista del quartiere di Hanano, l’esercito fedele al governo siriano, sostenuto da russi e miliziani sciiti, hanno strappato ai ribelli il controllo del quartiere di al-Sakhour, situato nella parte orientale di Aleppo, città nel nord della Siria. Lo ha riferito la tv di Stato di Damasco, citando una fonte militare. La notizia è stata confermata da attivisti, raggiunti telefonicamente dal Ilfattoquotidiano.it, che si trovano nei quartieri assediati e che hanno riferito di un “numero imprecisato di sfollati in fuga dai combattimenti”. Mentre l’Aleppo Media Center, una piattaforma di giornalisti presenti nella zona orientale e vicini alle opposizioni, afferma che sono ancora in corso combattimenti dentro e fuori Sakhur. Secondo gli analisti, le forze dell’opposizione siriana rischiano di finire divise in due sacche assediate.

Ieri, l’esercito lealista ha riconquistato altri due quartieri di Aleppo, quelli di Hanano e Jabal Badro. L’offensiva dei militari di Damasco su Aleppo est va avanti da circa due settimane. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, tutta la zona settentrionale dell’area di Aleppo est controllata dai ribelli, dopo la riconquista di al-Sakhur, è tornata sotto il controllo delle forze lealiste. I ribelli, ha precisato il direttore dell’Osservatorio, Rami Abdel-Rahman, hanno perso da sabato il 30% dei loro territori, in quello che è il peggior rovescio militare da quando, nel 2012, hanno preso il controllo della parte orientale della seconda città più importante del Paese.  Le difese dei ribelli nella parte settentrionale della loro enclave – hanno raccontato alcuni attivisti – sono crollate improvvisamente dopo aver resistito a cinque mesi di assedio da parte di governativi, interrotto solo da una breve offensiva durata poche settimane ad agosto.

Sempre l’Osservatorio, ha riferito che sono stati uccisi almeno 219 civili, tra i quali 27 bambini, mentre circa 10mila civili sono fuggiti dalla periferia orientale della città siriana, dopo che l’esercito ha ripreso il controllo. Gli sfollati hanno raggiunto zone della città sotto il controllo delle Forze siriane democratiche (Fsd), un’alleanza curda-arabo armata sostenuta dagli Stati Uniti. La Ong ha precisato che circa 6.000 civili sono fuggiti da Aleppo orientale al quartiere Shaykh Maqsud, nel nord, controllato da Fsd, mentre altre 4mila persone circa si sono spostate in zone nelle mani delle forze governative.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Francia, sondaggi: Fillon vincerebbe alla grande su Marine Le Pen. Per il presidente Hollande sarebbe un disastro

prev
Articolo Successivo

Cronache dal Niger: cari portatori della cosiddetta civiltà, non ci avrete mai come sudditi

next