“Soldati americani sarebbero coinvolti direttamente in operazioni sul terreno a Mosul“. A darne notizia al Araby al Jadid, quotidiano panarabo, che pubblica un video che mostrerebbe militari statunitensi combattere a fianco di quelli iracheni. Il 12 ottobre scorso, il generale Usa Stephen Townsend aveva dichiarato che alcuni uomini erano impegnati a fianco delle truppe di Baghdad con l’esclusivo ruolo di “consiglieri” e per segnalare “con maggior previsione” le coordinate da colpire ai jet impegnati dei raid.

Questo impegno sul terreno arriva “nonostante – ricorda il quotidiano panarabo – solo nell’ultimo mese l’ufficio di presidenza del primo ministro Haidar Abadi abbia negato per ben quattro volte l’impiego sul terreno dei soldati Usa” nell’offensiva per liberare la città. Aggiungendo di aver documentato “soldati americani della brigata 101 che accompagnavano uomini della brigata d’oro, dei servizi di contrasto al terrorismo iracheno”, nella parte orientale della città contesa.

Una nota diffusa dal “Fronte di mobilitazione popolare“, coalizione di milizie sciite irachene, fa sapere che ieri i combattenti “sono stati in grado di isolare completamente la città, tagliando la strada che collega Tell Afar al Sinjar. Un cronista curdo, interpellato dal quotidiano panarabo al Hayath, ha confermato che “una colonna di miliziani dell’Isis ha provato a spostarsi da Tell Afar verso il confine siriano ma è stata costretta a tornare indietro” a causa della presenza dei miliziani sciiti.

Abu Mahdi al Muhadis, vice capo del “Fronte di mobilitazione”, ha dichiarato che queste ultime mosse rappresentano la “fine della quarta fase dell’offensiva nel settore occidentale della città”, aggiungendo che nei prossimi giorni si darà il via all’offensiva finale verso la località strategica di Tell Afar.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raro arcobaleno a 360°, lo spettacolo dalla Emirates Spinnaker Tower in Gran Bretagna

next
Articolo Successivo

Brasile, omicidio Pamela Canzonieri: fermato il sospetto assassino

next