Sempre più consistente il rischio chiusura per Linkedin in Russia. Rockomnadzor, l’ente governativo russo preposto al controllo dei mass media e delle telecomunicazioni, ha annunciato di aver chiesto agli internet provider di bloccare il social network per professionisti più famoso al mondo. L’accusa: Linkedin viola la legge sul trattamento dei dati personali non archiviando i dati dei suoi utenti in server nel territorio russo.

L’agenzia russa ha diffusa una nota in cui si legge che “il social LinkedIn è stato inserito nel registro dei siti che violano le regole per la protezione dei dati personali  sulla base della sentenza di un tribunale e della sua entrata in vigore e deve essere bloccata dagli operatori”. La decisione arriva dopo che il 10 novembre il tribunale distrettuale di Mosca Tagansky ha respinto il ricorso della compagnia che è la prima a scontrarsi con Roskomnadzor, sulla legge varata nel settembre 2015 che impone alle compagnie esteri di conservare i dati personali degli utenti russi all’interno dei confini del Paese.

Alla compagnia – dichiara il portavoce dell’agenzia, Vadim Ampelonsky – erano stati inviati due diversi solleciti per l’attuazione di quanto previsto dalla legge, entrambi rimasti senza risposta. “Se LinkedIn sarà effettivamente bloccato, sarà un segnale per le compagnie che non hanno trasferito i dati personali dei russi. Questo riguarda Facebook, Twitter e tutti gli altri operatori stranieri”, aveva dichiarato il consigliere del Cremlino per il web German Klimenko, in una intervista a Kommersant il mese scorso, dopo la prima sentenza del tribunale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Non si accorge dell’auto in panne, la travolge con il bus. Le terribili immagini dell’incidente

prev
Articolo Successivo

Paolo Dall’Oglio, buon compleanno. Ovunque tu sia

next