Stamperie scelte dai consolati, agenzie di recapito private, plichi mai arrivati. E l’ombra dei boss. Il sistema di voto degli italiani all’estero è ricco di falle e da dieci anni le segnalazioni e le denunce di brogli si moltiplicano. Un copione che potrebbe ripetersi anche sul voto per il referendum costituzionale. Per il ministro dell’Interno Angelino Alfano, invece, non ci sono rischi:  “Mi pare che gli italiani all’estero abbiano sempre votato con regolarità e nessuno ha messo mai in discussione tutto quello che è venuto come risultato dal voto estero”, ha replicato ai microfoni del Fatto Quotidiano, a margine di un convegno a Roma. Eppure basta ricordare quando nel 2008 vennero ritrovati a Buenos Aires, nei magazzini di una ditta responsabile di distribuzione, 120mila schede in più rispetto a quelle necessarie per il voto dei nostri connazionali argentini. Non l’unica denuncia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, italiani all’estero: quel mucchio di schede sul tavolo del candidato. Rischio brogli nel voto postale

next
Articolo Successivo

Referendum, in treno col M5s da Ferrara a Bologna. La sicurezza a Di Battista: “E la scorta?”

next